Il ponte di Brooklyn, storia e curiosità di uno dei simboli di New York

| |

Il ponte di Brooklyn, costruito tra il 1869 e il 1883, collega Manhattan con il quartiere più popoloso di New York, Brooklyn. Il ponte è uno dei monumenti più famosi e magnifici della Grande Mela.

In Breve
PosizioneTra Lower Manhattan e Brooklyn
Trasporti Pubblici: Metro – Chamber Street, Brooklyn Bridge, York Street, High Stret e altre
Da non perdere: la passeggiata a piedi o in bicicletta

Al momento della costruzione, Brooklyn – fondata dai coloni olandesi nel 17 ° secolo – era ancora una città indipendente oltre ad essere una delle città più grandi del paese.

Pubblicità

Nel 1898, quindici anni dopo l’apertura del Ponte di Brooklyn, i cittadini di Brooklyn decisero con uno stretto voto di diventare un quartiere di New York. Va da se che già da questo motivo si capisce l’importanza storica e culturale di un ponte iconico che racchiude enigmi e curiosità, vediamone alcune insieme.

John Roebling, un europeo è stata la mente del progetto

La forza motrice dietro l’intero progetto, John Roebling, era un immigrato tedesco che aveva lavorato per il governo prussiano come costruttore di ponti e strade. Ha lanciato l’idea di costruire un ponte sull’East River dopo aver preso un traghetto attraverso il fiume che rimase bloccato nel ghiaccio. Egli però non riuscì mai a vedere realizzato il ponte che aveva progettato: è morto dopo essersi schiacciato un piede in un incidente durante la sua costruzione. Non è stato l’unico a perdere la vita in questa fase di realizzazione: 20 dei 600 lavoratori sono morti mentre lavoravano sul ponte di Brooklyn. Il figlio di John Roebling, Washington, assunse la direzione del progetto, ma, colpito della malattia del cassone (o da decompressione) a causa dei lavori sui pilastri del ponte, era sul letto di morte durante l’inaugurazione. Quel giorno, il 24 maggio 1883, circa 150.000 persone lo attraversarono.

Pubblicità

La costruzione del ponte di Brooklyn

Il ponte di Brooklyn è considerato uno dei più grandi talenti ingegneristici del XIX secolo e rimane uno dei monumenti più famosi e conosciuti di New York. L’imponente ponte attraversa l’East River tra Brooklyn e Manhattan e si estende per una lunghezza di 1,8 km. L’intervallo tra le grandi torri misura 486 metri. Ciò ha reso il ponte di Brooklyn il ponte sospeso più grande del mondo. La sua caratteristica più evidente sono le due torri in muratura a cui sono collegati i numerosi cavi. Le torri con grandi archi gotici raggiungono un’altezza di 84 metri, rendendole al momento alcuni dei monumenti più alti di New York. Roebling affermò che sarebbero state costruite le torri monumentali su di esso.

Il Sentiero

ponte di brooklyn

Un percorso pedonale sopraelevato non solo dà la possibilità di attraversare il fiume senza essere disturbato dal traffico che scorre oltre un livello inferiore, ma offre anche una splendida vista delle torri del ponte e dello skyline del centro di Manhattan. Le viste da sole attirano milioni di visitatori su questo ponte ogni anno.

Il suo test di sicurezza originale

Il 17 maggio 1884, PT Barnum condusse 21 elefanti sul ponte di Brooklyn per dimostrare che era stabile.

Pubblicità

L’ottava meraviglia del mondo

Con la sua lunghezza senza precedenti e due torri maestose, il Ponte di Brooklyn fu soprannominato “l’ottava meraviglia del mondo”. Per diversi anni dopo la sua costruzione, rimase la struttura più alta dell’emisfero occidentale. Il collegamento fornito tra i grandi centri abitati di Brooklyn e Manhattan ha cambiato per sempre il corso di New York City . Nel 1898, la città di Brooklyn si unì formalmente a New York City, Staten Island e alcune città agricole, formando la Grande New York.

Previous

Diventa un traduttore di testi da remoto: un metodo 2.0 di guadagno sfruttando il web

Little Italy a New York, cosa vedere e dove mangiare

Next

Lascia un commento